Il peccato contro natura: un abominio agli occhi di Dio

quale_mondo_vuoi
Oggi si fa un gran parlare delle posizioni della Chiesa sull’ omosessualita’. La cosa più grave è che ci sono persone e chiese che pur dichiarandosi cristiane interpretano la Bibbia come se questa approvasse gli omosessuali. Non solo: molti cardinali-massoni all’interno della Chiesa spingono affinche’ la dottrina Cattolica riconosca come legittimo il peccato contro natura, contravvenendo cosi’ alla Parola di Dio.
Molti falsi devoti che si professano ”cattolici praticanti” non fanno mistero della loro tolleranza nei confronti del peccato di sodomia, ti rispondono affermando che Dio guarda semplicemente i cuori (!) Questo e’ semplicemente ridicolo e lo e’ per due motivi: il primo e’ che Dio ci ha donato la Sua Legge, proprio perche’ l’uomo sia in grado di domare la propria innata concupiscenza, affinche’ sia in grado di osservare la Sua Parola e co-operare alla salvezza dell’ anima, unendo il tutto col Sacrificio Redentore di Gesu’. I Comandi di Dio vietano PERENTORIAMENTE il peccato di sodomia, tra l’altro molti Santi e mistici che ebbero la visione dell’inferno affermarono che la ragione principale dell’eterna condanna e’ in relazione ai peccati di impurita’, specialmente quello di sodomia.
La seconda ragione e’ che nessuno puo’ dire di avere un cuore puro, come si fa ad avere la certezza di averlo? Un cuore puro e’ umile, non discute sui comandi di Dio, anzi, si delizia della Sua Legge, un cuore umile non manca di carita’, non vive confinato nei propri capricci, nei propri piaceri, nel proprio egoismo e nell’odio piu’ assoluto nei confronti di chi vorrebbe aiutare gli omosessuali a venir fuori da questa condizione di peccato che si fa beffe del Creatore e deride l’ordine naturale che Egli stesso ha stabilito. Un cuore puro non ha che il solo desiderio di piacere a Dio e di amarLo sopra ogni cosa, inutile parlare di ”amore per il prossimo” se non si ama Dio e la Sua Giustizia non si ha che il solo amore per se stessi e per i propri desideri. Quindi di quale purezza di cuore stiamo parlando?
Alcuni ”Cattolici Progressisti” credono che basterebbe semplicemente un papa aperto nei confronti di chi pratica la sodomia per potere abbattere questo ”muro” . Ricordo a tutti che se mentre i tempi cambiano, i costumi cambiano, e la gente abbandona Dio per darsi ai vizi e ai piaceri piu’ sfrenati, Dio non cambia poiche’ Egli e’ L’Eterno. (Nel 1700 Anna Maria Taigi previde le processioni della lussuria: i gaypride) Il peccato e’ un problema dell’uomo, non un problema di Dio. Dio da la Grazia a qualsiasi peccatore di resistere al peccato attraverso la Preghiera e i Sacramenti , se egli lo volessero veramente. La Chiesa, essa non puo’ sovvertire la Parola di Dio: la Chiesa e’ semplicemente custode della Verita’, non ne e’ al di sopra; i papi stessi verranno giudicati da Dio secondo la Legge : “…se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema!” (Gal. 1, 8-9). Quindi se un giorno ci sara’ un anti-papa che affermera’ che la sodomia non e’un peccato egli sarebbe un eretico e verrebbe destituito rifiutando la Parola di Dio e l’insegnamento che i Santi hanno dato nel corso dei secoli. (I santi sulla sodomia)

Promuovere, incoraggiare o partecipare in atti omosessuali è un’offesa grave contro Dio. Gli omosessuali, invece di essere incoraggiati nel loro peccato hanno bisogno di aver proclamato: Ravvedetevi dunque e convertitevi, affinché i vostri peccati siano cancellati, e perché vengano dei tempi di refrigerio dalla presenza del Signore, (Atti 3:19)
Gli omosessuali hanno bisogno della verità, più di qualsiasi altra cosa. conoscerete la verità e la verità vi farà liberi». (Giovanni 8:32). L’omosessuale deve capire che è nato (come tutti noi) con una natura peccaminosa,(non e’ mai stato trovato dalla scienza il ”gene dell’omosessualita’) ma non è nato omosessuale. Il diavolo, il mondo e loro stessi vorrebbero far credere che sono nati omosessuali, e che non c’è niente che possono farci per cambiare. Ma è una bugia, quello che vogliono è essere approvati ed accettati come “normale” in questa abominevole pratica. Invece, quello di cui hanno bisogno è che gli si sia dichiarato che l’omosessualità non è una malattia, ma è un peccato del quale si devono pentire.
Gli omosessuali si possono ricevere in chiesa, come gli altri peccatori, ma senza compromessi né indicazione di tolleranza di questo peccato abominevole.
L’omosessualità e un peccato che Dio può perdonare se ci si pente: Or tali eravate già alcuni di voi; ma siete stati lavati, ma siete stati santificati, ma siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù e mediante lo Spirito del nostro Dio. (1 Corinzi 6:11).Sappiamo che il Signore Gesù Cristo è morto per tutti i peccati dei Suoi.

Molti gayfriendly recentemente si sono sforzati falsamente di affermare che la pratica omosessuale benchè venga bandita dal Vecchio Testamento e dalle Epistole degli Apostoli non può ritenersi anti-cristiana dal momento che secondo loro Gesù non ne avrebbe mai parlato espressamente. Allora, vediamo un po di chiarire: “Poiché dal cuore vengono pensieri malvagi, omicidi, adultèri, fornicazioni, furti, false testimonianze, diffamazioni.  Queste sono le cose che contaminano l’uomo; ma il mangiare con le mani non lavate non contamina l’uomo». (MT 15,18/20).

In questo brano vediamo Gesù condannare apertamente i peccati della carne. Gesù parla del peccato di fornicazione equiparandolo per gravità morale al furto e all’omicidio. E se condanna il peccato secondo natura poteva pensare meglio sul peccato contro-natura? GESU’ IN REALTA’ PER BEN TRE VOLTE RICONFERMA LA CONDANNA DI SODOMA E GOMORRA. Nel condannare le città che non hanno accolto la Sua Parola cita il giudizio delle due città distrutte, anche se queste subiranno un castigo più mite rispetto agli increduli:

(Matteo 10:14-15) “E se alcuno non vi riceve né ascolta le vostre parole, uscendo da quella casa o da quella città, scotete la polvere da’ vostri piedi. 15 In verità io vi dico che il paese di Sodoma e di Gomorra, nel giorno del giudizio, sarà trattato con meno rigore di quella città”.

(Matteo 11: 23-24) “E tu, Cafarnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Perché, se in Sòdoma fossero avvenuti i miracoli compiuti in te, oggi ancora essa esisterebbe! 24 Ebbene io vi dico: Nel giorno del giudizio avrà una sorte meno dura della tua!”.

(Luca 10:10-12) “Ma in qualunque città sarete entrati, se non vi ricevono, uscite sulle piazze e dite: 11 Perfino la polvere che dalla vostra città s’è attaccata a’ nostri piedi, noi la scotiamo contro a voi; sappiate tuttavia questo, che il regno di Dio s’è avvicinato a voi. 12 Io vi dico che in quel giorno la sorte di Sodoma sarà più tollerabile della sorte di quella città”.

Parliamo delle citta’ di Sodoma e Gomorra, le citta’ distrutte da Dio, proprio perche’ si commettevano peccati di sodomia appunto
“Ora la gente di Sodoma era grandemente depravata e peccatrice contro l’Eterno. (Genesi 13:13)  Dio rivelò ad Abramo che avrebbe distrutto Sodoma per questa ragione: “E l’Eterno disse: «Siccome il grido che sale da Sodoma e Gomorra è grande e siccome il loro peccato è molto grave, (Genesi 18:20). Dio mandò due angeli a salvare dalla distruzione Lot e la sua famiglia.

“ i Sodomiti, chiamarono Lot e gli dissero: «Dove sono quegli uomini che sono venuti da te questa notte? Falli uscire, perché vogliamo abusare di loro». 6 Lot uscì verso di loro sullʼingresso della casa, si chiuse dietro la porta, e disse: «Vi prego, fratelli miei, non fate questo male! non fate nulla a questi uomini, perché sono venuti allʼombra del mio tetto». Essi però gli dissero: «Togliti di mezzo!» E ancora: «Questʼindividuo è venuto qua come straniero e vuol fare il giudice! Ora faremo a te peggio che a quelli!» E, premendo Lot con violenza, sʼavvicinarono per sfondare la porta.” (Genesi 9:4-9)

Quelli volevano uomini perché erano sodomiti, ed anche quando furono accecati dagli angeli questi uomini malvagi cercavano ancora la porta della casa di Lot, finché si stancarono, per gli sforzi inutili: colpirono quindi di cecità la gente che era alla porta della casa, dal più piccolo al più grande, cosicché si stancarono nel tentativo di trovare la porta. (Genesi 19:11)
Chiunque leggendo Genesi 19 può onestamente vedere l’attitudine di Dio verso la pratica dell’omosessualità: Allora l’Eterno fece piovere dal cielo su Sodoma e Gomorra zolfo e fuoco, da parte dell’Eterno. (Genesi 19:24)  27 Abramo andò di buon mattino al luogo dove si era fermato davanti al Signore;28 contemplò dall’alto Sòdoma e Gomorra e tutta la distesa della valle e vide che un fumo saliva dalla terra, come il fumo di una fornace.

Questi versetti sono riferiti anche da Isaia, Geremia e altri profeti. Sono anche usati come esempio di giudizio di Dio da Gesù, Pietro e Giuda nel Nuovo Testamento.
La Legge di Dio vieta l’omosessualità, lo vediamo chiaramente sia nel Vecchio che nel Nuovo Testamento.

“Proprio come Sodoma e Gomorra e le città vicine, che come loro si erano abbandonate alla fornicazione e si erano date a perversioni sessuali contro natura, sono state poste davanti come esempio, subendo la pena di un fuoco eterno;” (Giu 1:7 )fa1

“Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa
abominevole” (Levitico 18:22)

Se uno ha con un uomo relazioni sessuali come si hanno con una donna, tutti e due hanno commesso una cosa abominevole; dovranno essere messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro. (Levitico 20:13)

“Mentre stavano rallegrandosi, ecco gli uomini della città, gente perversa, circondarono la casa, picchiarono alla porta e dissero al vecchio, al padrone di casa: «Faʼ uscire quellʼuomo che è entrato in casa tua, perché vogliamo abusare di lui!» Ma il padrone di casa, uscito fuori, disse loro: «No, fratelli miei, vi prego, non fate una cattiva azione; dal momento che questʼuomo è venuto in casa mia, non commettete questʼinfamia! non commettete contro quellʼuomo una simile infamia!» Ma quegli uomini non vollero dargli ascolto. Allora lʼuomo prese la sua concubina e la condusse fuori da loro; ed essi la presero, abusarono di lei tutta la notte fino al mattino; poi, allo spuntar dellʼalba, la lasciarono andare.” (Giudici 19:22-25)

Egli eliminò dal paese il resto di quelli che si davano alla prostituzione sacra (sodomiti) che erano rimasti al tempo di Asa suo padre. (1 Re 22:46)

Demolí anche le case degli uomini che si davano alla prostituzione sacra (sodomiti) che si trovavano nella casa dell’Eterno, dove le donne tessevano tende per Ascerah. (2 Re 23:7)

Nuovo testamento

Perciò Dio li ha abbandonati a passioni infami: infatti le loro donne hanno cambiato lʼuso naturale in quello che è contro natura; similmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono infiammati nella loro libidine gli uni per gli altri commettendo uomini con uomini atti infami, ricevendo in loro stessi la meritata ricompensa del proprio traviamento. (Romani 1:26-27)

Non vʼilludete: né fornicatori, né idolatri, né adùlteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriachi, né oltraggiatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio. E tali eravate alcuni di voi; ma siete stati lavati, siete stati santificati, siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo e mediante lo Spirito del nostro Dio (1° corinzi 6:9-11)

Sappiamo anche che la legge è fatta non per il giusto, ma per gli iniqui e i ribelli, per gli empi e i peccatori, per i sacrileghi e gli irreligiosi, per coloro che uccidono padre e madre, per gli omicidi, per i fornicatori, per i sodomiti, per i mercanti di schiavi, per i bugiardi, per gli spergiuri e per ogni altra cosa contraria alla sana dottrina (1° Timoteo 9-10)

Se condannò {alla distruzione} le città di Sodoma e Gomorra, riducendole in cenere, perché servissero da esempio a quelli che in futuro sarebbero vissuti empiamente; e se salvò il giusto Lot che era rattristato dalla condotta dissoluta di quegli uomini scellerati (2° Pietro 2:6-7)

Allo stesso modo Sodoma e Gomorra e le città vicine, che si abbandonarono, come loro, alla fornicazione e ai vizi contro natura, sono date come esempio, portando la pena di un fuoco eterno.Ciò nonostante, anche questi visionari contaminano la carne nello stesso modo, disprezzano lʼautorità e parlano male delle dignità. (Guida 1:7-8)

Essi, pur conoscendo che secondo i decreti di Dio quelli che fanno tali cose sono degni di morte, non soltanto le fanno, ma anche approvano chi le commette” (Romani 1:32)

In conclusione: Non dobbiamo compromettere il Vangelo, sotto nessuna circostanza, o dare l’impressione di farlo. Dobbiamo predicare Gesù e Lui crocifisso. Se è nella grazia del Signore, essi saranno convertiti e, in quanto convertiti, non saranno più omosessuali e il loro cambiamento porterà gloria a Dio. Naturalmente, nel frattempo, bisogna vegliare su di loro che non cerchino di corrompere i giovani della chiesa.
Floriana Castro
Antimassoneria Copyright © 2015. nota su copyright

ARTICOLI CORRELATI

Cio’ che si tace sull’omosessualita’

Le intransigenze della Dittatura Gay

Nel 1700 Anna Maria Taigi previde le processioni della lussuria: i gaypride

Santa Caterina da Siena sulla sodomia

La verita’ vi fara’ liberi, non il gender

Chi diffonde il flagello della pedofilia?

La legge sull’introduzione all’ideologia gender esiste davvero, ecco la legge

Un domani vi chiameranno: pedofobi, drogofobi, incestuofobi

Oscar Wilde NON e’ un’icona gay!

Precedente L'aborto: il peccato che grida al cielo Successivo I padroni della propaganda e la dittatura del pensiero unico