“La pedofilia è un orientamento sessuale come quello eterosessuale e quello omosessuale”. La lotta per lo sdoganamento di questa satanica aberrazione continua.

In tutti gli articoli riguardanti il tema delle unioni civili per le coppie formate da individui dello stesso sesso abbiamo sempre messo in guardia dalle pericolose ideologie laiciste che andrebbero a sfociare nell’accettazione e poi legalizzazione della pedofilia. Del resto se non sono è più la Bibbia nè la legge naturale i parametri sulla quale si basa la società moderna, su quali parametri ci si potrà basare? Si parla molto di una guerra nucleare che potrebbe scoppiare da qui a poco, ma c’è un’altra guerra non meno grave che continua silenziosamente a mietere vittime, senza che queste abbiano modo di rendersene conto. Le vittime sono le persone comuni; l’opinione pubblica che continua a seguire media e giornali mainstream senza prendere coscienza del fatto che le idee delle logge massoniche che mirano alla Rivoluzione -ossia, re-volvere alla società pagana neo cristiana- viaggiano e vengono proposte alle masse come segno del progresso e dei tempi che cambiano a beneficio del genere umano. Si parla sempre più insistentemente di pedofilia, una grave e diabolica aberrazione che non sarebbe affatto una malattia secondo gli ultimi studi degli psicologi e psichiatri al servizio dell’èlite. Già negli anni ’50 Alfred Kinsey un entomologo pervertito divenuto poi sessuologo negli anni ’50, finanziato dalla Fondazione Rockefeller, la Kabbalah del pensiero unico, sosteneva che tutti gli orientamenti sessuali come l’omosessualità, la pedofilia, la coprofagia, la zoofilia ecc. erano tendenze che dovevano essere considerate come del tutto normali. Oggi tali posizioni non sono più così obsolete se si considera che esse vengono espresse da altri psichiatri e pubblicati su giornali mainstream come verità ineluttabili e incontestabili. urlCiò che oggi sembra ridicolo è che coloro che affermano la normalità dei pedofili sono quelli che fino a pochi anni fa fecero terra bruciata attorno alla figura di papa Benedetto XVI con gli scandali dei preti pedofili della quale dal 2013 a questa parte dopo l’elezione del più “democratico” Bergoglio non si sente più parlare. Secondo un articolo pubblicato su The Indipendent i pedofili non possono essere criminalizzati per il loro orientamento, né possono essere costretti a trattamenti psichiatrici, in quanto la loro condizione risulterebbe assolutamente naturale e quindi accettabile. Un pedofilo, spiegano gli psicologi si sente attratto dai bambini esattamente come un eterosessuale si sente attratto da un adulto del sesso opposto e un gay da un individuo del suo stesso sesso. E chi siamo quindi noi per giudicare? Come dice il neo-cardinale mons. Cupich elevato al porporato da Bergoglio: “Papa Francesco non vuole guerrieri culturali; non vuole ideologi”

Ed ecco in basso l’articolo così come pubblicato dal The Indipendent

La pedofilia è un “orientamento sessuale” come essere etero o gay, secondo uno psicologo criminale. L’idea che l’attrazione sessuale per i bambini possa essere un “orientamento” è molto controversa in quanto suggerisce che i criminali non possono cambiare. Ma, scrivendo sul sito di networking Reddit, lo psicologo ha detto che è possibile trattare chi commette abusi sessuali da bambino su “l’intesa che l’attrazione può sempre rimanere”. Lo psicologo ha istituito il thread “ask me anything” su Reddit. La loro identità non è stata rivelata, ma è stata verificata dal sito. 

Alla domanda “Possono cambiare i pedofili?”, l’esperto ha scritto: “Credo che il disturbo pedofilo sia un orientamento sessuale dei singoli che sono attratti dalle caratteristiche infantili. In altre parole, un individuo con tendenza alla pedofilia ha la stessa attrazione radicata che una donna eterosessuale può sentire verso un maschio, o di un omosessuale si sente verso il loro stesso sesso.
“Con questo occorre che si dica che la sessualità è più di uno spettro di una categoria. Sappiamo che gli eterosessuali possono impegnarsi in comportamenti omosessuali, e negare di essere bisessuali o omosessuali.
“Sappiamo che le persone con tendenze pedofile possono impegnarsi in comportamenti sessuali con adulti. Per alcuni, essi possono utilizzare ciò come una distorsione cognitiva per spiegare la loro sessualizzazione  in età prepuberale. “
Tuttavia lo psicologo ha sottolineato in una modifica successiva che essi non intendevano affermare che i pedofili non possono essere trattati – in una certa misura.
“Il trattamento, non può modificare l’orientamento di per sé, ma può ottenere che l’individuo riesca a trovare comportamenti più adeguati per impegnarsi nelle relazioni”, hanno scritto.
“Un individuo può avere interessi pedofili senza mai agire su questi a livello comportamentale. Tuttavia, come sto lavorando con i trasgressori criminali, la mia esperienza è interamente ponderata a coloro che si sono impegnati in questa linea di comportamento. ” 

Nel maggio 2015, la ricerca dal National Crime Agency ha suggerito 250.000 uomini nel Regno Unito potrebbero essere considerati “veri pedofili” – adulti che sono attratti da ragazze in età pre-puberale con meno di 12 anni. Parlando con The Independent a seguito della ricerca, una psicologa che lavora sul caso della pedofilia ha affermato che i pedofili dovrebbero essere trattati più come vittime piuttosto che come trasgressori.
” Non è una scelta. Non hanno modo di cambiare, ma possono imparare a vivere in modo responsabile con i loro desideri sessuali, “Petya Schuhmann, che lavora con uno schema in Germania chiamato Progetto Dunkelfeld, che consente alle persone di mettersi in contatto anonimamente con terapisti che li aiutano a controllare i propri impulsi sessuali verso i bambini.

L’anno scorso, un pedofilo reo confesso, Todd Nickerson, graphic designer freelance del Tennessee, ha causato scalpore dopo aver scritto un articolo chiedendo alla gente di essere comprensione del suo “orientamento sessuale” dal titolo “io sono un pedofilo, voi siete i mostri”. Nell’articolo ha spiegato che la spiegazione delle sue tendenze pedofile erano da ritrovarsi nelle molestie che aveva subito da bambino. Egli ha inoltre ricordato anche la sua adesione al Forum “Pedofili virtuosi” – una comunità online di pedofili che hanno giurato di non agire sotto l’influsso dei loro impulsi sessuali.
Nel luglio 2010, la Lettera di Harvard Salute mentale luglio 2010 ha affermato che “la pedofilia è un orientamento sessuale non modificabile. Il trattamento ha lo scopo di consentire a qualcuno di resistere a chi agisce dietro la spinta dei suoi impulsi sessuali”.
L’idea di trattare pedofilia come malattia è stata a lungo controversa.
Nel 2013, Donald Finklater, della carità protezione dei bambini la Faithfull Foundation Lucy, ha dichiarato: “Ci possono essere alcune vulnerabilità che potrebbero essere genetiche, ma normalmente ci sono alcuni eventi significativi nella vita di una persona, un evento di abuso sessuale, un ambiente di bullismo …

Ovviamente oggi si da ascolto al parere degli psicologi e psichiatri nonostante più volte sia stato ribadito che le loro posizioni rimangono comunque e sempre delle posizioni personali che non possono essere in nessun modo essere considerate scientifiche. Ad ogni modo va ricordato ai lettori che si fanno beffe della religione che per credere nel parere di psicologi e psichiatri occorre molta più suggestione di credere al Cristianesimo che se non altro si basa sulle leggi naturali. Una cruentissima guerra spirituale è in già in atto da molti anni e oggi sta toccando l’apice. Una mattanza di anime che spaventa non meno di una Terza Guerra Mondiale.

-Antimassoneria.altervista.org- Copyright © 2016

Fonte The Indipendent



ARTICOLI CORRELATI

Omosessuali si nasce. Chi lo dice?

 

Dai 2milioni del Family Day ai 13 Km di fila per Padre Pio: un affronto troppo grave per i compagni

Orrore: vogliono rendere normale il terribile flagello della pedofilia.

I commenti sono chiusi.