La Sinistra: Propagandista di false liberta’

url

DIVIDE ET IMPERA

«Tutto ciò che è caro al nemico dev’essere rotto e distrutto […]. Cooperate solamente con i tarati e con gli imbroglioni. Provocate conflitti e odî tra i cittadini […]. Avvilite le tradizioni del nemico, fate piazza pulita della sua storia, infarcite la società di spie, ecc…».Sun Tzu (544-496 a.C.), 490 anni prima di Gesù Cristo,

“Gli ebrei danno il benvenuto a questa rivoluzione nel mondo cristiano … E non è un caso che l’ebraismo abbia dato i natali al marxismo, e non è un caso che gli ebrei aderirono prontamente al marxismo: tutto questo era in perfetto accordo con il progresso del giudaismo e gli ebrei”. (A Program for the Jews and Humanity, Rabbino Harry Waton, p. 148 rabbino Harry Waton, p. 148)

“L’anima comunista è l’anima del giudaismo. Ne consegue che, proprio come nella rivoluzione russa il trionfo del comunismo è stato il trionfo del giudaismo, così anche nel trionfo del fascismo trionferà l’ebraismo”. (A Program for the Jews and Humanity, Rabbi Harry Waton, p. 143-144).

PROPAGANDA CORRUZIONE MORALE
«Quando l’uomo sarà divenuto un essere che striscia, che grugna e salta sulla femmina, e voi continuerete soltanto ad accarezzare il suo sesso e a scatenare la bestia che è in lui, allora il porcile diventerà un macello. La carne che offrite nelle vostre riviste illustrate è buona tutt’al più ad essere venduta, schernita, torturata, uccisa e bruciata».Jean Cau (1925-1933), scrittore e giornalista francese.

«Noi (ebrei) siamo stati la causa prima non solo dell’ultima guerra, ma quasi tutte le vostre guerre. Noi siamo stati i promotori non solo della rivoluzione russa, ma di tutte le grandi rivoluzioni della vostra storia. Noi abbiamo suscitato e continuiamo a suscitare discordie e contrasti nella vostra vita pubblica e privata…».
– L’ebreo rumeno Marcus Eli Ravage (1884-1965)
(Century Magazine, nn. 3 e 4, 1928).

Piccolo Tigre: istruzioni che inviava, il 18 gennaio 1822, agli agenti superiori delle Logge piemontesi: «L’essenziale è isolare l’uomo dalla sua famiglia, e di corromperlo nei costumi […]. Egli ama le lunghe conversazioni del caffè e l’ozio degli spettacoli. Trascinatelo, coinvolgetelo, dategli una qualsiasi importanza, insegnategli discretamente ad annoiarsi dei suoi lavori giornalieri, e, attraverso questo lavorio, dopo avergli mostrato quanto siano faticosi i suoi doveri, gli inculcherete il desiderio di un’altra esistenza. L’uomo è nato ribelle. Attizzate questo desiderio di ribellione fino all’incendio, ma che l’incendio non esploda! È una preparazione alla Grande Opera che dovete cominciare. Quando avrete insinuato in alcune anime il disgusto per la famiglia e per la religione, lasciate cadere certe parole che provochino in lui il desiderio di essere affiliato ad una Loggia vicina»

Una delle prove più convincenti a favore della tesi secondo cui tale progetto di abbrutimento fosse stato concertato già nell’Ottocento sta nella continuità di tale processo anche dopo la caduta del comunismo e il tramonto definitivo della seppur minima possibilità di instaurare la dittatura del proletariato in qualche angolo dell’Occidente. È dunque evidente che i vari raggruppamenti politici, sorti dai movimenti ideologici del secolo scorso, sono stati gli strumenti più o meno consapevoli di ben altri poteri che si sono serviti e si servono tutt’ora di queste correnti per catalizzare trasformazioni sociali che altrimenti richiederebbero tempi molto più lunghi.
Una volta esaurita la loro spinta propulsiva e la loro presa sugli animi, tali movimenti vengono sostituiti da altre ideologie o da altre correnti culturali o neo-spiritualiste che portano a termine un’altra tappa nel lungo cammino di scristianizzazione di deumanizzazione dei nostri contemporanei, e che deve portare all’instaurazione di un Nuovo Ordine Mondiale.
É veramente impressionante constatare come le previsioni di questa cerchia di cervelloni – composta in maggioranza da israeliti – si siano avverate andando forse oltre le loro stesse aspettative. Dietro di loro, come sempre, c’è l’ombra discreta – ma onnipresente – dell’Alta Finanza (i Rockefeller, i Rothschild, i Lazard, gli Schiff, ecc…), dell’odiato capitalismo e delle lobby mondialiste che contano (la Fabian Society). La musica cambia, ma i musicisti sono sempre gli stessi… Anche la lezione che se ne può trarre non cambia: se si abbandona la strada maestra tracciata da Gesù Cristo e dalla Sua Chiesa per seguire i vari araldi della libertà che promettono una chimerica terra promessa – veri e proprî venditori di aria fritta – si cadrà inevitabilmente sotto il potere del suo avversario, Satana, la cui cupa disperazione traspare come un marchio di fabbrica sul volto delle sue vittime.

La creazione di un nuovo tipo umano, vagheggiato dalle Logge massoniche e dalle élite dell’Alta Finanza, è e resterà una chimera irrealizzabile. La realtà è ben diversa e non è da reinventare.(click here)
Come scrive Sant’Ignazio di Loyola (1491-1556) nei suoi Esercizi Spirituali, «l’uomo è creato per lodare, riverire e servire Dio nostro Signore, e, mediante questo, salvare la propria anima» (Principio e fondamento). Tutto il resto è solo un inganno. – Nella sua opera L’échec des futurologues («L’insuccesso dei futurologi»), l’economista Jean Fourastié (1907-1990) parla degli stessi problemi posti all’uomo di oggi scrivendo: «Questi enormi problemi sono nati dal fantastico potere tecnico di un’umanità senza virtù, senza morale e senza fine ultimo». (click here)

«La decadenza della vita sociale cristiana dell’Occidente non è avvenuta a caso; essa è stata progettata, deliberatamente promossa e diffusa. Questo sistematico indebolimento della cultura occidentale continua anche oggi. Gli strumenti di questo assalto alla cultura e alla coscienza cristiana sono le armi della propaganda: la stampa, la televisione, il cinema e l’istruzione. La fonte principale della propaganda è il cinema. Dalla sua capitale, Hollywood, l’ebreo vomita una serie senza fine di film pervertiti per svilire e degenerare la gioventù d’America e del mondo occidentale. Il divorzio sostituisce il matrimonio, l’aborto subentra alla nascita, e la famiglia diventa il campo di battaglia del conflitto individuale. L’ebreo ha raggiunto la sua méta: distruggere la cultura occidentale»
-Padre Nathanael Kapner-
Il coinvolgimento ebraico nell’industria porno può essere considerato come un proverbiale gesto del dito medio a tutto l’establishment WASP americano […]. Esso è il risultato di un odio atavico verso l’autorità cristiana: gli ebrei stanno tentando di indebolire la cultura dominante in America mediante la sovversione morale»
Il pornografo ebreo,Al Goldstein (1936-2013) dichiaro’: «L’unico motivo per cui noi ebrei siamo nella pornografia è perché pensiamo che Cristo faccia schifo».
In poche parole la costruzione del Nuovo Ordine Mondiale deve passare necessariamente dalla sovversione della moralita’, dalla distruzione della sovranita’ popolare, dalla corruzione e distruzione della Chiesa di Cristo.
10308131_781894828496471_8054534631609264078_n

«Se vogliamo distruggere una nazione, dobbiamo prima distruggere la sua morale; poi ci cadrà in grembo come un frutto maturo, svegliate l’interesse della gioventù per il sesso e sarà vostra» diceva Lenin.

Nell’ottobre del 1917 -alla vigilia della presa del potere di Lenin- si concludono le apparizioni della Madonna a Fatima, la Vergine afferma :”la Russia…spargerà i suoi errori per il mondo, promovendo guerre e persecuzioni alla Chiesa. I buoni saranno martirizzati”.
Gli “errori” che la Russia avrebbe sparso nel mondo non erano altro che il comunismo, che di lì a poco dalla Russia sarebbe dilagato in tutto il mondo causando persecuzioni ai cristiani e insanguinando molte nazioni.
La Madonna era venuta a Fatima soprattutto per salvare il mondo da un altro e più grande male del nostro secolo: l’offensiva planetaria del comunismo.
Non basterebbe un’intera biblioteca per raccogliere tutte le blasfemie e le barbarie commesse dai comunisti negli ultimi 100 anni.
Cento anni di tribolazioni stanno adesso per giungere alla battaglia finale in cui Gesu’ tornera’ finalmente a rivendicare il Suo Sangue sull’umanita’ che ha redento. Non ci resta che pregare con fede e attendere. La Madonna ha assicurato che alla fine del feroce scontro finale col Drago maledetto il Suo Cuore Immacolato avrebbe trionfato.

Una delle prove più convincenti a favore della tesi secondo cui tale progetto di abbrutimento fosse stato concertato già nell’Ottocento sta nella continuità di tale processo anche dopo la caduta del comunismo e il tramonto definitivo della seppur minima possibilità di instaurare la dittatura del proletariato in qualche angolo dell’Occidente. È dunque evidente che i vari raggruppamenti politici, sorti dai movimenti ideologici del secolo scorso, sono stati gli strumenti più o meno consapevoli di ben altri poteri che si sono serviti e si servono tutt’ora di queste correnti per catalizzare trasformazioni sociali che altrimenti richiederebbero tempi molto più lunghi. Una volta esaurita la loro spinta propulsiva e la loro presa sugli animi, tali movimenti vengono sostituiti da altre ideologie o da altre correnti culturali o neo-spiritualiste che portano a termine un’altra tappa nel lungo cammino di scristianizzazione di deumanizzazione dei nostri contemporanei, e che deve portare all’instaurazione di un Nuovo Ordine Mondiale. É veramente impressionante constatare come le previsioni di questa cerchia di cervelloni – composta in maggioranza da israeliti – si siano avverate andando forse oltre le loro stesse aspettative. Dietro di loro, come sempre, c’è l’ombra discreta – ma onnipresente – dell’Alta Finanza (i Rockefeller, i Rothschild, i Lazard, gli Schiff, ecc…), dell’odiato capitalismo e delle lobby mondialiste che contano (la Fabian Society). La musica cambia, ma i musicisti sono sempre gli stessi… Anche la lezione che se ne può trarre non cambia: se si abbandona la strada maestra tracciata da Gesù Cristo e dalla Sua Chiesa per seguire i vari araldi della libertà che promettono una chimerica terra promessa – veri e proprî venditori di aria fritta – si cadrà inevitabilmente sotto il potere del suo avversario, Satana, la cui cupa disperazione traspare come un marchio di fabbrica sul volto delle sue vittime.

Concludo l’articolo ricordando una celebre citazione di San Giovanni Bosco:

«L’unica vera lotta della Storia e quella pro o contro la Chiesa di Cristo».San Giovanni Bosco

Floriana Castro
Antimassoneria Copyright © 2015.

ARTICOLI CORRELATI

Conoscere la Shoah per capire il passato e il tempo presente

I piani dei compagni per scristianizzare il mondo

I signori della falsa pieta’ e le altre barbarie che non scandalizzano i potenti

I padroni della propaganda e la dittatura del pensiero unico

L’anticristo in mezzo a noi

Il comunismo e il sesso libero: cosi’ hanno schiavizzato i popoli

La verita’ sull’alleanza nazista-comunista e la conquista della polonia

Per non dimenticare… anche le vittime degli ebrei

Precedente Le origini ebraiche della Massoneria e l'assalto massonico alla Chiesa Successivo Controllo demografico, soldi e potere: lo scopo della truffa sul Surriscaldamento Globale