La TV: il vero “oppio dei popoli”

11169063_164072503925029_5774551301547308523_n
«Io conosco il segreto per far sì che l’americano medio creda a cosa voglio fargli credere. Lasciatemi il controllo della televisione […]. Mandate in onda qualunque cosa alla TV e quella diventerà la realtà. Se il mondo fuori dal set televisivo contraddice le immagini in TV, la gente inizierà a tentare di cambiare il mondo per farlo collimare con le immagini televisive».
Hal Becker, esperto in comunicazione consulente di gestione del Futures Group, in un’intervista del 1981

ATTENZIONE ALLA TELEVISIONE, E’ L’ARMA PREDILETTA DAI SIGNORI DELLA SOVVERSIONE, ATTRAVERSO DI ESSA VI IPNOTIZZANO .
É noto che le fluttuazioni luminose dello schermo televisivo inducono onde cerebrali alpha, cullando il cervello in uno stato di subconscio simile al sonno, causando una sorta d’ipnosi che rende più suscettibili alle suggestioni.
Questo è noto fin dagli anni ’60 e fu dimostrato chiaramente in un esperimento del 1969 da Herbert Krugman.La ricerca intrapresa da Krugman nel quadro di un più ampio progetto relativo alla pubblicità, rivelò
che l’emisfero cerebrale sinistro, che elabora le informazioni in maniera logica e analitica, viene completamente disattivato quando un individuo guarda la televisione.

La luce radiante e le oscillazioni luminose degli schermi televisivi riducono l’attività cerebrale a uno stato «theta» (onde theta).
Si riduce il pensiero critico, lasciando attive le parti del cervello che conservano i ricordi, le sensazioni e le emozioni.
Tutto ciò che arriva dalla TV in qualche maniera «bypassa» la mente logica e va a inserirsi direttamente nel subconscio.
In altre parole, la TV fa presa più sulle emozioni che sulla logica.In una condizione crepuscolare di semi-consapevolezza, l’individuo è più suscettibile ai messaggi contenuti nei programmi televisivi, e – attraverso la trasfert – nella pubblicità. In questo modo, egli subisce una manipolazione mentale

I mass media, ha affermato Alexander King, sono l’arma più potente e il «fattore di cambiamento» nella lotta per instaurare un Nuovo Ordine Mondiale neo-malthusiano che trascenderà e cancellerà il concetto di nazione-Stato. «È certamente necessario prendere parte ad un dibattito più esteso con i giornalisti e con i vertici aziendali dei mezzi di comunicazione che sono coinvolti per studiare le condizioni per poter definire questo nuovo ruolo», ha scritto King. Per il suo progetto, il Club di Roma può contare sulla cooperazione del cartello dei media, che è di proprietà britannica.

Esso può fare ricorso anche alle capacità di una macchina da guerra psicologica di massa, sempre amministrata dagli inglesi e dai loro beni che si estende alle fasi-chiave della produzione dei mass media e che include scrittori e psichiatri che danno forma al contenuto, e i sondaggisti che mettono a punto e analizzano l’impatto sulle popolazioni-bersaglio. Oltre a questa rete che interagisce, esistono milioni di partecipanti coinvolti nella produzione, nella distribuzione e nella trasmissione dei messaggi mediatici, il cui pensiero, a turno, viene plasmato dal contenuto del prodotto mediatico, e che, effettivamente, vengono manipolati dalla cultura in cui sono immersi.

Le grandi masse di zombie telefissati mentali possono essere facilmente convinte ad accettare il Nuovo Ordine Mondiale attraverso l’istigazione al divertimento e mediante l’approvvigionamento senza fine di «informazioni». Una volta che le masse verranno convinte attraverso una «rieducazione», la resistenza all’interno dei settori nazionali crollerà.

In un’intervista del 1981, i Hal Becker ha dichiarato: «Gli americani non pensano realmente; hanno solo delle opinioni, dei sentimenti. La televisione crea l’opinione, e in seguito la convalida. Sono manipolati dallo schermo? Sono molto di più di questo. Penso che la gente abbia perso la capacità di relazionarsi con le immagini della propria vita senza l’intervento della televisione. Questo è ciò che intendo dire realmente quando dico che siamo in presenza di una società televisionata. Siamo guidati da una società orwelliana, ma Orwell commise un errore in “1984”. Il grande Fratello non ha bisogno di guardarti finché sei tu a guardarlo. E chi può dire che questo sia veramente così dannoso»?

per concludere: attraverso questo mezzo potentissimo di comunicazione, i signori della sovversione sono riusciti a farvi credere che l’aborto fosse un gesto moralmente accettabile, che il femminismo fosse una leale causa per liberare la donna dalla schiavitu’ , che la promiscuita’ sessuale fosse un segno di emancipazione , che le societa’ multi-etniche e multi-culturali fossero un segno di modernita’ oltre che di carita’ fraterna, che i matrimoni gay sono assolutamente uguali con quelli composti da uomo-donna, e tra qualche anno iniziera’ la campagna per liberare i bambini dall’innocenza incoraggiando per loro una vita sessuale con altri bambini o con adulti… e qualcuno ha avuto anche il coraggio di dire che sono le religioni l’oppio dei popoli…
Floriana Castro
Antimassoneria © Copyright 2015

ARTICOLI CORRELATI

I padroni della propaganda e la dittatura del pensiero unico.

Ingegneria sociale: Un giorno vi chiameranno drogofobi, incestuofobi, pedofobi

Perche’ abbiamo accettato il Nuovo Ordine mondiale?

Le campagne mediatiche per rendere accettabile l’inaccettabile

tv_ipnotica

I 17 Obiettivi da raggiungere entro il 2030. I falsi profeti e il mondo dello spettacolo in sostegno del Nuovo Ordine Mondiale

Precedente Uniformare la razza- le ragioni occulte dell'immigrazione massiva Successivo Il femminismo:l'arma per riscrivere il genere umano